I visti australiani

Se non sei cittadino Australiano, avrai bisogno di un visto per poter entrare nel territorio Australiano, che dovrai richiedere prima di lasciare l’Italia.

Esistono varie tipologie di visto per l’Australia, a seconda della nazionalità di provenienza di chi ne fa richiesta, della propria età, e dell’intento di viaggio dichiarato (studio, lavoro, ecc). Tuttavia, essi possono essere riconducibili ad alcune categorie principali.

Nella maggior parte dei casi si inizia la propria esperienza australiana con un visto temporaneo che si richiede online sul sito dell’immigrazione australiana. I tempi di approvazione per i visti australiani temporanei sono abbastanza brevi. Si va dalle 24 ore per i visti turistici e Working Holiday fino a un massimo di un mese per i visti di studio.

Mentre le pratiche per altri tipi di visto possono richiedere più tempo. Il nostro staff può consigliare i visti temporanei più adatti alle singole esigenze e fornire assistenza per la compilazione. Per i visti più tecnici basati, ad esempio, sui propri skills possiamo consigliare di rivolgersi a un migration agent qualificato. Noi di Go Study collaboriamo con diversi migration agents sul territorio australiano che possono offrire una consulenza in merito: contattaci per avere maggiori informazioni.

Ma dato che le tipologie di visto per l’Australia sono tante: Quale scegliere? Ecco un breve riassunto delle caratteristiche di ciascun visto!

Il visto turistico per l’Australia

Il visto turistico (Tourist Visa, subclass 651) è rivolto a chi si reca in Australia in vacanza, per ragioni sociali o ricreative, per visitare parenti e amici o per altri scopi a breve termine e di carattere non professionale. Il visto turistico ha validità di un anno e permette di entrare e restare in Australia fino a un massimo di 3 mesi alla volta.

Con il visto turistico pe è possibile studiare fino a un massimo di 12 settimane, ma non è possibile lavorare. Inoltre il visto turistico per l’Australia è gratuito.

Per chi è consigliato?

Il visto turistico è consigliato, ad esempio, a chi vuole fare una breve vacanza studio senza doversi preoccupare del lavoro.

Il Working Holiday Visa

Il Working Holiday Visa (subclass 417) è tra i visti più popolari per chi vuole lavorare in Australia e provare l’esperienza di un gap year nella terra dei canguri. Un visto Working Holiday consente di finanziare la propria esperienza e di recuperare l’investimento iniziale per la partenza.

È possibile richiedere il visto Working Holiday se si ha un’età compresa fra i 18 e i 31 anni (non compiuti) e questo visto è limitato a chi è in possesso del passaporto delle seguenti nazionalità: Belgio, Canada, Cipro, Danimarca, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Hong Kong, Irlanda, Italia, Giappone, Repubblica di Corea, Malta, Olanda, Norvegia, Svezia, Taiwan e Regno Unito.

Il visto Working Holiday consente di lavorare full time per tutto l’anno. C’è solo un limite massimo di durata del rapporto lavorativo che è di 6 mesi con lo stesso datore di lavoro, anche se con qualche eccezione nel caso si lavori in aree regional. Il visto Working Holiday permette anche di studiare in Australia fino a un massimo di 17 settimane. Con un visto Working Holiday è possibile frequentare corsi di inglese che sono molto utili per ambientarsi e trovare lavoro in Australia. Il periodo di studio si può combinare facilmente con un lavoro part time che già permette di mantenersi.

Si può ottenere un secondo Working Holiday visa se durante il primo anno si completano almeno 88 giorni di lavoro retribuito nel settore primario nelle cosiddette aree regional. Il Working Holiday Visa non ha un limite massimo di richieste annuali. Anche per questo non va confuso con il Work and Holiday Visa (subclass 462) che ha condizioni differenti ed è rilasciato a un numero limitato di persone ogni anno. Il costo del Working Holiday Visa per l’Australia è di 485 dollari australiani *.

Per chi è consigliato?

Il visto Working Holiday è consigliato per tutti quei ragazzi che vogliono fare un’esperienza di viaggio alla scoperta dell’Australia, vivendo questa terra meravigliosa non da turisti ma da veri locals e con la possibilità di auto-finanziarsi l’avventura senza dover per forza attingere ai propri risparmi.

* il costo del visto Working Holiday è soggetto ad aggiornamenti da parte dell’immigrazione australiana.

Il visto studente

Lo Student Visa (subclass 500) permette di entrare in Australia come studente e di lavorare part-time. Per ottenere un visto di studio per l’Australia è quindi necessario iscriversi a un corso. Una volta confermata l’iscrizione a una scuola australiana è possibile procedere alla richiesta del visto.

Il visto di studio australiano può essere associato a diversi corsi (anche più di uno nello stesso visto):

  • Corsi di inglese (che vanno dal General English per migliorare la padronanza della lingua fino a corsi avanzati per la preparazione a esami come IELTS o Cambridge);
  • Corsi professionali (per i quali l’Australia offre una scelta molto ampia);
  • Corsi universitari (molte delle università australiane sono ai primi posti delle classifiche mondiali).

La durata del visto dipende dalla durata del corso o dei corsi ai quali ci si iscrive. Lo Student visa per l’Australia permette di lavorare fino a un massimo di 40 ore ogni 2 settimane. Il visto di studio per l’Australia costa 620 dollari australiani *.

Per chi è consigliato?

Il visto di studio australiano è un visto adatto a diverse esigenze. In particolare può essere richiesto da chi vuole:

  • studiare in Australia con possibilità di lavoro (anche dopo i 31 anni compiuti);
  • iniziare la propria esperienza in Australia concentrandosi prima sullo studio della lingua per poi sfruttare al meglio un visto Working Holiday;
  • frequentare corsi professionali o universitari in Australia.
N.B. Se hai più di 30 anni e vuoi andare in Australia il visto Student rappresenta la soluzione ideale (nonché la più semplice) per entrare nel paese e lavorare.

* il costo dello Student Visa è soggetto ad aggiornamenti da parte dell’immigrazione australiana.

L’Australia degli Under 20

#1 La Vacanza Studio in Australia Un grande classico delle vacanze estive che conoscerai come le tu…

Esistono diversi visti associati a possibilità di lavoro in Australia. E la materia è soggetta a continui aggiornamenti in base alle esigenze del mercato del lavoro australiano. Quindi è molto difficile riassumere in poche parole quali siano i visti che permettono di soggiornare in Australia per lavoro, anche per lungo tempo.

L’argomento è delicato e per questo motivo Go Study si avvale della collaborazione di agenti di immigrazione in Australia che possono aiutare chi deve richiedere di questi visti.

Come si fa a restare in Australia attraverso un contratto di lavoro?

Si sente parlare molto delle possibilità di sponsorship in Australia, ovvero della possibilità di legare la propria permanenza nel paese a un contratto di lavoro. Questo è solo uno dei modi per riuscire nel tempo ad ottenere una permanenza in Australia.

Il famoso visto di sponsorship (Temporary Work Skilled Visa subclass 457) è stato rivisto e aggiornato ad Aprile 2017.

Il 457 è stato sostituito dal TSS (Temporary Skills Shortage), che è stato diviso in due stream: uno a breve termine (short term) e uno a lungo termine (long term). Le famose liste SOL (Skilled Occupation List) e CSOL (Consolidated Skilled Occupation List) sono state aggiornate e rinominate e il sistema di sponsorship adesso si basa su due liste:

  • STSOL (Short-Term skilled occupation list): corrisponde più o meno alla vecchia lista CSOL. Se la propria professione è in questa lista è possibile ottenere uno sponsor di 2 anni, eventualmente rinnovabile di 2 anni ma che non porta direttamente alla permanenza, se non passando attraverso altri visti. La STSOL comprende circa 270 professioni *
  • MLTSSL (Medium and Long Term Strategic Skills List): deriva dalla vecchia lista SOL e porta alla residenza permanente in Australia (permanent residency) nel giro di 3 anni. La lista comprende 180 professioni circa *

le liste sono variabili e sono aggiornate ogni sei mesi in base alle esigenze del mercato del lavoro australiano

Tra i requisiti per applicare per una sponsorship c’è quello linguistico: serve una delle seguenti certificazioni, con punteggio adeguato (IELTS, OET, TOEFLT iBT, PTE Academic Test, CAE). Per maggiori informazioni sui cambiamenti occorsi al visto 457 consulta l’articolo che abbiamo scritto in merito.

Si può tentare un percorso di permanenza in Australia attraverso lo studio?

Investire in un percorso di studio è uno dei modi migliori per cercare di ottenere una permanenza in Australia. Si può scegliere tra molti corsi professionali che qualificano per professioni presenti nella MLTSSL, oppure ancora si può frequentare un corso universitario (bachelor o master).

Un visto molto importante per chi decide di intraprendere un percorso di studio in Australia è il Temporary Graduate Visa (485).

Se si frequenta un corso professionale di 2 anni legato a una professione presente nella lista MLTSSL è possibile richiedere un Temporary Graduate Visa al temine del corso. Questo visto dà la possibilità di lavorare in Australia per 18 mesi.

Lo stesso visto di lavoro ma della durata di 2 anni viene rilasciato dopo aver frequentato una bachelor degree (laurea triennale) o un master di almeno 2 anni.

La possibilità di sfruttare la qualifica acquisita in Australia aumenta molto le probabilità di ottenere una sponsorship o di intraprendere altri percorsi che possono portare alla permanenza.

Come si ottiene una permanenza in Australia?

Si tratta di una domanda molto delicata, che andrebbe sempre valutata caso per caso. Inoltre è sempre bene consultare in migration agent: Go Study collabora con migration agents qualificati sul territorio australiano che possono offrire una consulenza di dettaglio in base alle singole esigenze. Contattaci per sapere come muoverti se ti interessa l’argomento.

Quella dei Permanent Visaè una categoria che racchiude diversi tipi di visti permanenti, in particolare:

ENS – Employer Nomination Scheme (subclass 186) Si tratta di un permanent business sponsored visa che porta da un visto di sponsor ad una permanenza.
Da Luglio 2017 l’età massima per richiedere questo visto è limitata a massimo 45 anni. Chi applica per questo visto deve inoltre dimostrare 3 anni di esperienza in una professione, che deve essere inclusa nella MLTSSL. È poi necessaria una valutazione delle proprie qualifiche da parte del rispettivo ente australiano (ad esempio l’Australian Computer Sociery per gli informatici o Engineers Australia per gli ingegneri).
Requisito linguistico: serve un punteggio di 6.0 IELTS o certificato equivalente.

RSMS – Regional Sponsored Migration Scheme (subclass 187)

Questo visto si lega a professioni richieste nelle cosiddette aree regional australiane. Quali sono le aree regional? Sono aree che coprono gran parte del territorio australiano: tutto il South Australia, la Tasmania, l’Australian Campital Terriotry, il Northern Territory, e tutto il Western Australia tranne Perth città e quasi tutto il Victoria tranne Melbourne e dintorni, il New South Wales tranne Sydney e Newcastle e Wollongong, il Queensland tranne Brisbane e Gold Coast.

Questo visto non è stato molto influenzato dal cambiamento delle liste come invece è avvenuto per il 186 e il 457. Ci sono più professioni disponibili e le liste regionali sono più ampie della MLTSSL.

Rispetto al 186 non è sempre necessario un riconoscimento delle proprie qualifiche. Questo vale, ad esempio, per le professioni identificate come trades come chef, painter, meccanico, carpentiere, idraulico, etc. Sono comunque richiesti tre anni di esperienza dimostrabile nella professione e c’è un limite di età di massimo 45 anni.

Requisito linguistico: anche per richiedere questo visto è necessario dimostrare una buona conoscenza dell’inglese pari a un punteggio di 6.0 IELTS o certificato equivalente.

Sembra quindi fondamentale, per ognuno di questi visti, essere in possesso di un’ottima conoscenza della lingua inglese e della relativa certificazione. Ragion per cui iniziare il proprio percorso australiano con un corso di lingua inglese è sempre una buona idea, per dare una marcia in più al proprio futuro!

  • Spouse Visa: per ottenere questo visto è necessario provare di avere vissuto più di un anno con il proprio fidanzato/a australiano o residente australiano o se siete sposato/a con un cittadino o residente australiano. Si può fare richiesta di questo visto sul territorio australiano e ricevere questo visto in meno di 1 mese se vi trovate in Australia; inizialmente questo visto sarà temporaneo, e diventerà permanente soltanto dopo aver vissuto 2 anni consecutivi di convivenza con il vostro fidanzato/a.
  • Migration Skills Visa: consiste in un sistema di punti accumulati in base alla vostra età, storia famigliare, esperienza lavorativa e livello d’inglese.
  • Family Reunion Visa: se sei genitore e più della metà dei tuoi bambini risiede in Australia e godi di buona salute, puoi raggiungerli in Australia e diventare un residente permanente.
  • Business Owners Visa: questo visto è stato pensato per coloro che intendono aprire un’azienda o investire in un’azienda in Australia come azionista prioritario.

Immigrare in Australia può essere più difficile se il livello di rischio associato alla tua nazionalità è alto, o nel caso tu stia provando a trasferirti con la tua famiglia. Per maggiori informazioni consulta queste pagine:

Inoltre, se desideri scoprire di più in merito ai visti Australiani e per iniziare il tuo percorso, ti invitiamo a contattare uno degli esperti Go Study!

Vuoi sapere come rimanere in Australia dopo la scadenza del tuo visto?


Guarda il video e scopri i 5 migliori modi per estendere il tuo visto e continuare la tua fantastica esperienza in Australia!