Tuttavia, trasferirsi in modo permanente in Australia non è una impresa semplice, e richiede determinazione e soprattutto tenacia. È indispensabile inoltre avere le idee chiare sui passi da compiere per raggiungere all’obiettivo. E’ bene partire preparati e raccogliere tutte le informazioni necessarie. L’Australia è sempre stata una nazione di immigrati, dagli inglesi nel 1800 agli europei del dopoguerra fino ai giorni nostri. Negli ultimi anni, però, l’Australia ha varato leggi migratorie sempre più severe e per entrare nel paese è indispensabile avere un visto adeguato. Ottenere un visto permanente è invece un percorso molto più lungo e per il quale serve avere diversi requisiti.

Per prima cosa è importante scegliere la destinazione. Ovviamente molti scelgono le città più grandi come Sydney o Melbourne. Si tratta di metropoli molto all’avanguardia, ordinate e pulite, dotate di mezzi pubblici efficienti, che sono in grado di garantire molte possibilità di lavoro e di attività di svago. Tuttavia non bisogna scordare che nelle zone più remote è possibile godere dei paesaggi più mozzafiato del territorio Australiano. Una scelta da valutare è quella di optare per città meno gettonate come Adelaide, Brisbane o Perth.

Nella scelta della città o regione in cui vivere è importante considerare oltre al clima e allo stile di vita anche le possibilità lavorative. Ovviamente le metropoli offrono diverse possibilità in ambito professionale ma sono più competitive e c’è più concorrenza. A volte proprio nelle aree rurali o più isolate, dove si respira ancora l’aria selvaggia di questo continente, è più facile ottenere uno sponsor o un lavoro perché ci sono meno candidati.

Indifferentemente dalla località scelta l’Australia offre un stile di vita generalmente elevato ed è considerata a livello mondiale come uno dei paesi in cui si vive meglio: basso tasso di disoccupazione, un sistema sanitario efficiente, ottime opportunità lavorative, un basso tasso di criminalità, ampi spazi aperti e incotaminati dove praticare sport e stare in mezzo alla natura.

Trasferirsi e lavorare in Australia

Una delle prime preoccupazioni per chi sceglie di trasferirsi in Australia è quella di trovare un lavoro. Le possibilità non mancano ma è anche vero che trovare subito un buon lavoro non è semplicissimo. Per prima cosa devi considerare le tue abilità acquisite, i tuoi titoli di studio e soprattutto il tuo livello di inglese. Per poter trovare lavoro down under avere un buon lavoro di inglese è assolutamente fondamentale. Per questo è importante investire fin da subito su un corso di inglese in Australia e migliorare il proprio livello linguistico.

Trovare l’impiego della vita non è semplice e probabilmente richiederà molto tempo. Nel frattempo, al di là di colpi di fortuna inattesi, dovrai accontentarti ed iniziare con qualcosa di semplice oppure accettare stage. Uno dei settori trainanti in Australia e in cui gli italiani trovano facilmente impiego è quello dell’hospitality. E’ un settore inoltre per il quale essere italiani rappresenta un valore aggiunto. Proprio per questo ci sono tantissime richieste di camerieri, baristi, aiuti-cuochi, lavapiatti, chef e “runner”. Sono tantissimi gli italiani che trovano lavoro come pizzaiolo in alcuni dei migliori ristoranti delle città.

E’ importante darsi degli obiettivi concreti e armarsi di pazienza nella ricerca del lavoro. Fondamentale inoltre è essere flessibili soprattutto al principio. Un consiglio a tal riguardo è di andare direttamente sul posto a chiedere se hanno bisogno di personale. Non disdegnare il buon vecchio metodo della ricerca sul campo, entrando in bar, ristoranti e negozi. Meglio recarsi direttamente sul posto piuttosto che inviare migliaia di candidature online se non hai un profilo particolarmente efficace. Un’esperienza nel campo della ristorazione ti aiuterà a migliorare rapidamente il tuo livello di inglese e ad abituarti all’accento australiano. Una volta migliorato il tuo livello di inglese e aver fatto un po’ di esperienza (altro capitolo fondamentale per il mercato del lavoro in Australia sono le referenze) potrai a provare a cercare un impiego differente se lo vorrai. Dalla tua potrai dire di aver fatto esperienza di lavoro concreta down under e potrai avere delle raccomandazioni da datori di lavoro Australiani. E’ bene ricordare che da qualche tempo il governo Australiano ha aperto il sito www.joboutlook.gov.au in cui poter avere informazioni sull’andamento del mercato del lavoro con dati relativi sulle professioni più richieste, sui guadagni medi per settore, i trend in corso e le competenze più ricercate.

Altri consigli per trasferirsi in Australia

Per trasferirti e iniziare a lavorare in Australia ricordati che avrai bisogno di:

Visti per l’Australia

Prima di organizzare la partenza ti consigliamo di raccogliere informazioni sui principali visti per l’Australia, per capire quale potrebbe essere la tipologia più adatta al tuo progetto e al tuo profilo professionale. Le tipologie di visto per l’Australia e le possibilità di ottenerlo sono svariate. In primis è possibile ottenere un visto turistico che dura da un minimo di 3 mesi ad un massimo di un anno. Puoi usare anche questo visto per esplorare la terra dei canguri, fare incontri, perlustrare le zone in cui vorresti vivere, puoi fare colloqui ma è assolutamente vietato ricevere uno stipendio e non potrai lavorare nemmeno saltuariamente. Un tipo di visto molto popolare è il Working Holiday Visa che è ideale per una vacanza-lavoro o per chi ha meno di 31 anni. Dura massimo un anno e può essere rinnovato per un altro anno, se dimostrerai di aver lavorato in un area regionale per almeno un periodo di 88 giorni. Lo Student Visa è invece indicato per chi desidera studiare o frequentare un corso oppure per chi ha più di 31 anni. Detto ciò, una volta giunti sul territorio si potranno aprire delle strade che ti porteranno ad ottenere un visto permanente. Bisogna essere pazienti e, soprattutto, aperti alle opportunità che si presenteranno.

Una volta che avrai ricevuto l’approvazione del visto, dovrai organizzare la tua partenza in Italia ed informare famiglia, amici, datori di lavoro in merito alla tua decisione. Probabilmente, anche in Italia avrai un po’ di burocrazia da sistemare: forse dovrai dare le dimissioni da un lavoro, sganciarti dall’affitto di una casa, scogliere un contratto telefonico, mettere in un deposito (o lasciare ad amici) oggetti e mobili che non potrai portare con te. etc. Anche in questo caso, ti consigliamo di creare una lista delle cose da fare, per non dimenticarti nulla e, soprattutto, per evitare stress ed errori che possono ritardare la tua partenza per l’Australia.

Il Volo per l’Australia

Per finire, la parte più eccitante: il volo! Esistono molte compagnie aeree che servono l’Australia, e a seconda degli scali effettuati, della durata del volo e del periodo di partenza, i prezzi possono variare notevolmente. Per questo motivo, ti consigliamo di cominciare a monitorare i voli con dovuto anticipo, per cogliere al volo le tariffe più convenienti. Esistono diverse compagnie aree che ti permetteranno di volare in Australia. La più famosa per volare nella terra dei canguri è forse la Emirates, ma anche Etihad (con la quale Go Study ha stretto una partnership che ti garantirà un po’ di sconto), Quantas e Qatar sono molto usate per raggiungere l’Australia e godono di standard davvero elevati.

Trasferirsi in Australia con la famiglia

Se stai pensando di trasferirti in Australia con la tua famiglia sicuramente dovrai pianificare ancora meglio il tuo spostamento. Dovrai assicurarti di avere un po’ di soldi da parte per poter affrontare le varie incombenze e permettere non solo a te ma anche ai tuoi familiari di inserirsi al meglio nella nuova destinazione. Sicuramente per dei bambini piccoli può trattarsi di un’esperienza appagante ed edificante. I ragazzi potranno fin da piccoli frequentare scuole di buon livello e apprendere bene la lingua inglese, vivendo in un paese ricco di spazi, con chilometri di verde. Potranno avere la possibilità di vivere all’aperto e praticare attività sportive. Nonostante queste prospettive il trasferimento sarà molto probabilmente più complicato, anche perché se si hanno dei figli il Governo Australiano può richiedere maggiore documentazione e una verifica delle tue capacità economiche. In questi casi è bene contattarci per una consulenza specifica ed esaminare caso per caso.

Trasferirsi in Australia dopo i 50 anni

L’Australia rappresenta un meta ambita non solo dai giovani ma anche dalle persone con qualche anno di più. La terra dei canguri offre opportunità anche per chi non è più giovanissimo e vuole reinventarsi e cominciare una nuova vita. Sicuramente ricominciare quando si è più in là con l’età può esserfe più difficile soprattutto se non avete svilupatto un profilo professionale molto specificio e appetibile. Diciamo che generalmente chi ha più di 50 anni decide di fare un’esperienza di soggiorno temporaneo magari per migliorare la lingua o per qualificarsi seguendo un corso professionale. E’ importante considerare il fatto che il Dipartimento dell’Immigrazione potrebbe nutrire dei dubbi in merito a una richiesta di Student Visa da parte di una persona sopra i 50 anni e pertanto potrebbe richiedere dei documenti aggiuntivi prima dell’approvazione del visto. Per questa ragione sia per situazioni simili sia per trasferirsi in Australia come pensionato potrebbe essere utile rivolgersi ad un agente di immigrazione.

Gli esperti di Go Study sono pronti per assisterti nella realizzazione del tuo sogno.