Go Study Australia

G’day! Sono Jacopo e lavoro in Go Study dal 2010, quando abbiamo aperto il primo ufficio in Italia. Insomma, sono il papà della nostra divisione italiana, ma anche un ex studente Go Study al quale l’Australia ha cambiato la vita, come a tanti! Go Study è  la mia seconda famiglia e lavorare a contatto con questo meraviglioso Team e i tanti giovani alla ricerca di un sogno è il principale motivo per cui ho deciso di tornare dopo un’esperienza di vita Down Under e oltre 20.000 km di terra bruciata sotto le suole delle mie scarpe. Dopo 8 anni come Country Manager Italia ho passato il testimone al mio collega Andrea e sono tornato là dove tutto è cominciato, a Sydney, per assumere il ruolo di Global Sales & Business Development Manager


“La libertà dell’uomo è definitiva ed immediata se così egli vuole; essa non dipende da vittorie esterne ma interne.”
Piacere, sono
Jacopo
Inizio in Go Study
2010
Città preferita
Sydney
Ufficio Go Study
Milano
I tuoi hobby
Viaggiare, vagabondare, surfare, snowboardare, ascoltare della buona musica, condividere l’amore per la vita con gli amici

Perché consiglieresti di fare un’esperienza in Australia?

L’Australia ha rappresentato il “grande viaggio”, quello che ti lascia un segno indelebile. Mi piace definire questo meraviglioso Paese come costruito su misura per uno studente lavoratore, alla ricerca di libertà, di gratificazioni sociali e professionali e di leggerezza. L’Australia mi ha coccolato, fatto sognare e fatto crescere.

Consiglio l’Australia a chi desidera provare a vivere in un paese dove il sudore e le idee si trasformano facilmente in risultato, dove si riesce a trovare un’autonomia economica e dove si lavora per vivere, non il contrario. Se provate a mescolare alla semplicità e alla meritocrazia anglosassone l’approccio alla vita allegro di un isolano cresciuto al sole, il risultato sarà il ritratto tipico di un australiano. Ecco perché amo l’Australia e perché la consiglio a tutti! A tutto questo aggiungete la Natura, con la N maiuscola: la barriera corallina, Ayers Rock, i Dodici Apostoli…

Qual è la tua città preferita?

La mia città preferita è Sydney ma i weekend li passerei a Byron Bay!

Sydney è la città perfetta per vivere il lavoro e il tempo libero in completa armonia. Puoi fare surf prima di entrare in ufficio, lavorare all’ultimo piano di un grattacielo nel CBD e cenare in spiaggia con gli amici (mai sentito parlare dei BBQ australiani?). Inoltre Sydney è la città con la più grande scelta di scuole di inglese e corsi professionali in Australia, il che contribuisce a darle un’aria di metropoli giovane, cosmopolita e all’avanguardia.

Byron bay è invece il sogno nel cassetto, un modo di essere, un luogo incantevole, il perfetto rifugio dallo stress, un cosmo di idee, colori, natura e persone da ogni parte del mondo.

Raccontaci un episodio singolare che ti è capitato durante la tua esperienza in Australia.

Solo uno?

Scoprire che quelle enormi ombre scure sotto la superficie dell’onda sono delfini e non squali e, rallegrandosene, tornare comunque a riva, insieme alla mia tavola da surf 🙂 What a feeling!

Pitt Street mall, una gentile signora si ferma e mi chiede “Do you need help?”. Ero appena arrivato a Sydney, vagavo con la mappa in mano e lo sguardo un po’ sperso. In pochi secondi capisce dal mio accento le mie origini italiane. Le si illumina lo sguardo e mi dice ” Anche io sono nata in Italia, ma sono emigrata in Australia dopo la seconda guerra mondiale, mi ricordo ancora quanta fatica iniziare una nuova vita…”. Si mette le mani in tasca e mi porge una banconota da 50 AUD augurandomi “good luck”!

Perdere la debit card e farsi spedire un nuovo bancomat, senza costi, nè ritardi, presso un ufficio postale in un villaggio sperduto in mezzo al Red Centre: efficienza australiana!

Scoprire che la ragazza con cui si sta parlando, di fronte al McDonald’s di Circular Quay, a Sydney, è in realtà la tua vicina di casa, in Italia.. Proprio quella che non avevi mai incontrato! A “small world”!

3 cose che ami dell’Australia

  • La libertà che respiri ovunque, nei paesaggi ma anche nelle persone e nei luoghi di lavoro.
  • Giovane e internazionale: l’Australia è un melting pot di ragazzi da ogni parte del mondo, è un incredibile Luna Park per chi vuole conoscere persone di ogni lingua, cultura e background!
  • La facilità e l’efficienza che ti fa sembrare semplice quella che in Italia sarebbe una missione burocratica impossibile!

L’Australia è unica perché…

Ti fa sembrare facile quello che hai sempre pensato fosse complicato. Ogni volta che alzi lo sguardo al cielo ti rendi conto di essere in un continente magico, dove la natura è ancora al primo posto! La facilità e l’efficienza che ti fa sembrare semplice quella che in Italia sarebbe una missione burocratica impossibile!

Dai un consiglio a chi vuole partire

Non sottovalutare l’importanza dei primi passi: l’Australia premia, ma non regala.

Iniziare l’esperienza da un corso di inglese è un modo eccellente per conoscere altri ragazzi e per crearsi un network di contatti utili anche per lavorare. La lingua è l’ostacolo principale.

  • Sii positivo: gli australiani amano la “positive attitude”, ti stupirai di quanto un sorriso possa pesare più di un certificato.
  • Datti da fare: conferma quanto si dice intorno agli italiani, noi siamo un popolo di lavoratori, oltre ad essere stimati per la nostra “creatività” e il nostro “folclore”.
  • Pianifica, coltiva, non raccogliere solamente: non cadere nel tranello del vivo “day by day”, tanto qui posso permettermelo…L’Australia ti accoglie ma sa farsi rispettare, qui il tempo è denaro più che mai e i visti scadono. Organizzati anticipatamente per cercare di trasformare il tuo visto in un’esperienza di vita più lunga, se lo desideri. Non attendere che scada il tuo visto per realizzare che non vuoi andartene!